+39 051 6307411

Gamberi tartarati al curry

"Girls of Ipanema" mood

ingredienti

1 etto e mezzo di gamberi rosa
mezzo cucchiaino di curry
qualche goccia di crema all'aceto balsamico Monari-Federzoni (anche per decorare)
qualche gambetto di erba cipollina
olio evo qb

procedimento

La parte più brigosa è senz'altro quella della pulitura del gambero. Staccare il carapace (la testa), il corpo e poi tagliare sul dorso delicatamente per togliere l'intestino. Fatto questo si sciacqua. Poi comincia lo sminuzzamento con un coltello molto tagliente. A questo punto miscelo a parte un cucchiaino di curry, qualche goccia di crema al balsamico, un goccio d'olio, emulsiono e unisco al gambero sminuzzato con qualche pezzetto di erba cipollina. Metto il coppapasta bagnato con un po' d'acqua (scivola meglio) al centro del piatto e riempio con il composto. Tolgo il coppapasta e decoro con l'erba cipollina. La mia tartare non è venuta proprio come una mattonella ma più morbida ma a me piace parecchio così. E il curry, vi assicuro, l'ingrediente segreto.

dal blog di Bebe Cucci

apranzoconbea.blogspot.it

Notizie e curiosità

Da dove deriva il termine “tartare”? La leggenda vuole che i Tartari, guerrieri nomadi delle steppe dell’Asia Centrale, non avendo il tempo di cucinare, frollavano la carne essiccata sotto la sella del proprio cavallo in modo da poterla consumare in seguito, ammorbidita.